chi mi ama mi segua

Un po' di Neve!


"Se non avessi figli, avrei probabilmente più soldi e più beni materiali...visiterei più posti, dormirei di più e avrei più cura di me stessa. La mia vita sarebbe più noiosa e prevedibile. Ma poichè sono madre, rido più forte e piango più spesso, ho più preoccupazioni e tanta più fretta. Dormo meno ma in qualche modo mi diverto di più. Il mio cuore soffre di più e ama più di quanto avessi potuto immaginare.
Dò più di me stessa ma ricavo più senso dalla vita".
( di Marianne Neifert)

Scrivimi,ti rispondero' presto!
rossella81@gmail.com

Chi e' Neve?!!!!!!Sono io naturalmente con tutti i miei 17modi di mangiare il mango,il mio food,le mie foto,le mie scarpe e borsette!
Troverete tra le pagine del mio blog ,oh miei cari avventori ed affezionati la vita secondo me,Neve,e vi garantisco che nei miei 30 anni di cose ne ho fatte e disfatte!
Come prima cosa il mio nome,quello vero e' Rossella e non vi diro' perche' mi faccio chiamare "Neve".per non tediarvi e non per altro;ho due meravigliosi bambini che considero parte di me che cammina sulla Terra,un marito che mi sopporta perche' mi ama tanto e i capelli biondo platino!Ecco i miei caratteri distintivi e cio' che veramente vale la pena di sapere su di me!^_^
17modi di mangiare il mango e' il titolo di un libro,forse l'unico piu' famoso di Joshua Kadison,e che mi ha regalato 17 perle da cui proprio non riesco a staccarmi!Magari un giorno saro' io a regalarle a voi!
Oltre a questo blog dove la mia mente viaggia piu' a ruota libera ne ho un'altro dedicato interamente alle mie ricette Pane&Cioccolato blog che mi da' un'infinita soddisfazione perche' ho l'opportunita' di sperimentare mille preparazioni per poi condividerle con tante persone!Non sto' mai tranquilla quindi e qui sotto l'elenco dei miei pensieri,anonimi,brutti ,deliranti e scoscesi,ma pur sempre miei!

MARZO

Marzo: nu poco chiove

e n’ato ppoco stracqua:

torna a chiovere, schiove,

ride ‘o sole cu ll’acqua.

Mo nu cielo celeste,


mo n'aria cupa e nera:


mo d''o vierno 'e tempesta,


mo n'aria 'e primmavera.

N’ auciello freddigliuso


aspetta ch'esce 'o sole:


ncopp''o tturreno nfuso


suspireno 'e vviole...

Catarì!… Che buo’ cchiù?


Ntiénneme, core mio!


Marzo, tu 'o ssaie, si’ tu,


e st’ auciello songo io.